Valutazione,
Indirizzamento,
Accompagnamento

L'opzione migliore potrebbe essere quella
non ancora esplorata.

Genetica e
oncologia

Esplorare ogni opzione è il solo modo per
garantire al paziente la scelta migliore

L’identificazione delle alterazioni genetiche di un tumore consente di sapere se ci sono farmaci specifici in grado di colpirlo. Ogni tumore è infatti diverso dagli altri e dispone di un corredo genetico-mutazionale proprio. Questa unicità, nei singoli casi, giustifica o meno la scelta di farmaci mirati a quelle specifiche alterazioni. L’unico approccio per identificare con precisione queste alterazioni genetiche è il sequenziamento del DNA tumorale.

Con Medendi, il paziente è seguito dagli specialisti più competenti e aggiornati, ha accesso ai centri di eccellenza internazionali, ed è guidato nell’arruolamento agli eventuali trial clinici che sviluppano nuovi protocolli e molecole. Questo percorso qualificato e completamente personalizzato ha lo scopo di presentare al paziente ogni opzione percorribile, aiutarlo a comprendere la situazione e guidarlo nel compiere la scelta migliore.

La storia
di Andrea Bizzarri

Dal 2012 Andrea lotta contro un tumore al duodeno. Nel 2016 è stato operato e il suo problema sembrava risolto. Purtroppo, qualche tempo dopo si è ripresentato un nodulo al fegato e sono ricominciate le terapie, incluso un ciclo di radioterapia, per ridurre il tumore e permettere una nuova operazione. Le terapie però non hanno dato risultati positivi e Andrea si è rivolto a Medendi.

Il sequenziamento del DNA tumorale ha rivelato che il tumore di Andrea era mutato in una forma resistente alla terapia. Ciò ha permesso di individuare un differente farmaco che si è subito dimostrato efficace e che, in breve tempo, ha dimezzato la dimensione del tumore.

A novembre 2020, Andrea è stato sottoposto con successo a un nuovo intervento al fegato e la prognosi è favorevole.

Un percorso
terapeutico
personalizzato

1. Valutazione

In questa prima fase, il comitato scientifico valuta la storia clinica del paziente e se sia opportuno procedere con il sequenziamento del DNA tumorale.

  • Il paziente, guidato dal suo Referente di Medendi, trasmette la documentazione medico-clinica necessaria;
  • lo Specialista Responsabile di Medendi – solitamente membro del board scientifico – analizza la documentazione;
  • entro 3 giorni, il Referente comunica al paziente se vi sia l’indicazione clinica a procedere.

2. Mappatura e
indirizzamento

Viene effettuata l’analisi del genoma tumorale più ampia e profonda, relativamente al tipo di tumore e al quadro clinico riscontrati. Se la mappatura del DNA tumorale identifica alterazioni genetiche clinicamente rilevanti e potenzialmente vulnerabili a specifici farmaci, lo Specialista Responsabile esplora le opzioni possibili: centri di eccellenza, trial clinici accessibili, farmaci erogati per uso compassionevole.

  • Il Referente di Medendi accompagna il paziente nel processo di analisi del genoma tumorale senza richiedere spostamenti e burocrazia di sorta;
  • il Referente affianca il paziente nel recupero e invio del campione anatomico (ottenibile dal reparto di Anatomia Patologica dell’ospedale). Se è anche necessario un prelievo di sangue, Medendi lo organizza a domicilio, su tutto il territorio nazionale;
  • entro un periodo variabile tra 2 e 4 settimane, l’esito del test è disponibile: lo Specialista Responsabile lo analizza e valuta l’opportunità di procedere con il percorso;
  • Medendi individua le strutture nazionali o internazionali più idonee per i trattamenti clinici adeguati, esplora la possibilità di arruolare il paziente in clinical trials che stiano testando farmaci potenzialmente efficaci, considera l’opzione di accedere a farmaci in uso per altre neoplasie ma potenzialmente efficaci nello specifico tumore;
  • infine, il Referente, con il supporto dello Specialista Responsabile, presenta e illustra al paziente i risultati del test e le eventuali opzioni individuate per una terapia mirata.

3. Accompagnamento

Medendi nasce ed esiste non solo per ideare e proporre un percorso terapeutico personalizzato ma, anche, per accompagnare il paziente su di esso e rendere ogni passo più facile, veloce, efficace.

  • Medendi organizza nel minor tempo possibile accettazione, trasferimento ed eventuale ricovero presso la struttura identificata;
  • Medendi, inoltre, si occupa del trasferimento del paziente e dei suoi accompagnatori, di alloggio, logistica ed eventuale interprete, aiuta il paziente con la documentazione e le procedure burocratiche e organizza ogni successivo trasferimento, terapia, ricovero.

Identificare
il problema è
il primo passo

Una volta che lo Specialista Responsabile ha illustrato le opzioni terapeutiche percorribili, Medendi accompagna il paziente in ogni successiva tappa del vero e proprio percorso terapeutico. Nello specifico, Medendi:

  • identifica gli specialisti, le terapie e le strutture migliori sia in Italia che all’estero e facilita l’accesso a centri e cliniche;
  • verifica l’eligibilità del paziente per trials clinici significativi, nonché l’accesso a farmaci in uso erogati per uso compassionevole;
  • garantisce un raccordo efficace tra specialisti e oncologo di fiducia e si assicura che il paziente sia sempre consapevole della situazione e delle prospettive;
  • gestisce viaggi, trasferimenti, degenze, follow-up per il paziente, i familiari, gli accompagnatori e aiuta a superare barriere linguistiche, pratiche, burocratiche.